Per un attimo dimentichiamo qual è l’obiettivo di questo blog.

Per un attimo dimentichiamo che qui parliamo di Capri Watch, di bellissimi orologi decorati con pietre e colori. Dimentichiamo tutto questo. Lasciamo al centro solo un nome: Capri. Pensiamo solo alla nostra isola, il luogo delle nostre vacanze. Che spettacolo, vero?

limoncello

Ognuno la vive come preferisce. C’è chi si abbandona a lunghe giornate in barca, chi vuole godersi la tranquillità dei belvedere, chi visita i luoghi storici come Villa Jovis o Villa San Michele. Senza dimenticare la Casa Rossa di Anacapri. E poi c’è chi si rilassa in Piazzetta prima di andare a cena.

Ma c’è un fil rouge che unisce tutti: la cucina.

La cucina caprese caratterizza la vacanza del VIP, le giornate di chi vuole semplicemente staccare dalla routine, la vita quotidiana di chi abita a Capri e ogni giorno va a lavorare. La cucina caprese è ovunque. Tante sono le ricette tipiche del luogo, ma una attira l’attenzione e si è diffusa in tutto il mondo: quella del Limoncello.

Come si fa il Limoncello?

Questa è la domanda che ci rivolgono sempre. La cucina di Capri è spettacolare, ma quando arriva a tavola la bottiglia di Limoncello artigianale l’attenzione di desta. Qui c’è qualcosa di magico, c’è la cultura isolana che ha trasformato ingredienti più o meno semplici in un nettare che racchiude la solarità del Mediterraneo.

limoncello

Giallo come l’oro, freddo come il ghiaccio. Forte al punto giusto. Allora, qual è la ricetta delle cuoche isolane? Come si fa il limoncello? Ecco gli ingredienti principali:

  • Acqua (1 litro)
  • Zucchero (700 gr)
  • Limoni di Capri (8)
  • Alcool 95 gradi (1 litro)

Scegli i migliori limoni di Capri, lavali con cura e sbucciali. Metti in un recipiente 700 cl di alcool (anche questo di ottima qualità) e le scorze di limone: devono essere lasciate a riposare per un mese al buio e in un luogo asciutto. Magari ogni tanto puoi dare una smossa alle scorze.

Passati i trenta giorni l’alcool avrà preso un colorito giallo.

Metti l’acqua sul fuoco lento insieme allo zucchero. Spegni il fornello prima che arrivi all’ebollizione, versa lo sciroppo raffreddato nella recipiente con le bucce di limone insieme a quello che rimane dell’alcool (300 cl). Lascia riposare per altri 30 giorni in un luogo asciutto e buio.

Ora filtra il liquido per eliminare le scorze, imbottiglia in un recipiente di vetro e metti nel freezer. Il Limoncello caprese va servito rigorosamente freddo.

Share: