Cosa fare a Capri con i bambini

Non è facile descrivere il Natale a Capri, così come non è semplice parlare di questo periodo dell’anno quando sei su un’isola del Mediterraneo. Un luogo che d’estate diventa quintessenza della bellezza e della vita, ma che d’inverno sembra assopirsi in un letargo forzato.

Il Natale di un'isola come Capri

Forzato perché ti rendi conto che le belle giornate non mancano, e anche se le temperature impongono cappotti e cappelli sull’isola di Capri il Natale non sembra quello che ci si aspetta dalle classiche cartoline. Niente neve, pochi caminetti accesi, gente in giro con le maniche corte.

Il salotto di Capri

Il Natale di un’isola come Capri è strano. La mattina del 24 sei in piazzetta, seduto al tavolino del bar per un aperitivo o per scambiare due chiacchiere con amici e parenti. Il sole ti ricorda quasi che in fin dei conti mancano tre mesi per far tornare la primavera. E per riabbracciare l’estate.

Chi vive a Capri conosce questi flussi stagionali. C’è chi non si ferma mai, ma nella maggior parte dei casi il Natale sull’isola diventa uno spartiacque, dopo si va verso la bella stagione. Che poi mancano diversi mesi poco male, quel che conta è l’idea. La speranza di un nuovo inizio.

natale a capri

E allora il Natale a Capri è così, un po’ lento e un po’ VIP. Soprattutto nella sua seconda parte, quando passano i giorni della festa religiosa e si accolgono quelli che precedono il Capodanno.

Qui l’alternanza è evidente: la Piazzetta si trasforma, da ritrovo intimo per i capresi che si scambiano gli auguri diventa di nuovo il salotto del mondo dove si ritrovano turisti, villeggianti, residenti in attesa delle ultime ore dell’anno. Il tutto accompagnato da musica, spettacoli, balli.

Relax e natura a Capri

Capri è così, ti accoglie nel miglior modo possibile. Ma ti aiuta anche a ritornare sui tuoi passi, soprattutto dopo cenoni e pranzi natalizi. Quale soluzione migliore per riprendere il ritmo giornaliero? Basta scegliere uno dei tanti percorsi che attraversano la natura e la storia di questo luogo magico. C’è il Pizzo Lungo che rappresenta sempre una passeggiata interessante, soprattutto per la vista sui Faraglioni e su Villa Malaparte.

Con una bella giornata di sole, però, c’è chi si lascia attrarre dalla passeggiata per antonomasia: il Sentiero dei Fortini, la passeggiata che disegna la costa ovest dell’isola e collega due luoghi famosi per bellezza, storia, suggestioni. Ovvero la Grotta Azzurra, l’antico ninfeo di Tiberio, e il Faro di punta Carena. Quella spiaggia che d’estate regala l’ultimo raggio di sole e d’inverno diventa teatro di mareggiate spettacolari. Guarda questo video solo per farti un’idea.

La forza della natura è impressionante, puoi guardare veramente il mare in tempesta che domina la spiaggia e quasi ingoia lo stabilimento balneare. Da ammirare da lontano, con prudenza.

Il tuo Natale a Capri

Raccontacelo. lascia nei commenti la descrizione del tuo Natale isolano. Solo relax o anche lavoro? Hai fatto qualcosa di speciale? Hai deciso di lasciare l’isola per altre mete o hai passato i giorni di festa tra famiglia, tavola imbandita e passeggiate? Ti aspetto nei commenti.

Share: