grotta azzurra

Ci sono luoghi che hanno fatto la storia dell’Isola di Capri come, ad esempio, la Villa San Michele di Axel Munthe o la dimora del barone Fersen. Senza dimenticare i mitici guardiani delle coste, i Faraglioni. Ma a Capri ci sono dei simboli che rimangono nel cuore di chi visita questo luogo incantato.

Uno di questi simboli è la Grotta Azzurra, ovvero una caverna situata sul versante nord dell’isola diventata famosa per i riflessi che il mare acquista al suo interno. La luce del sole attraversa l’acqua, viene riflessa dalle rocce e crea un effetto unico al mondo. Per questo la Grotta Azzurra (che si trova nel comune di Anacapri) è una delle attrazioni più visitate e amate dell’isola.

La storia della Grotta Azzurra

Esatto, questa insenatura ha una storia. L’Imperatore Tiberio fece costruire una delle sue dodici dimore isolane a Damecuta, poco distante dalla grotta che divenne il suo ninfeo. Le ricerche hanno portato alla luce delle statue romane sul fondale: Tiberio decorò la caverna che divenne il luogo del suo ristoro.

[cryout-pullquote align=”left|center|right” textalign=”left|center|right” width=”33%”]Vicino alla superficie dell’acqua, non lontano da me, vidi una stella azzurra, che proiettava un lungo raggio di luce, puro come l’etere, sullo specchio d’acqua – Hans Christian Andersen[/cryout-pullquote]Per secoli, però, la grotta rimase avvolta dal mistero. Gli isolani pensavano che fosse abitata dagli spiriti, quindi la evitavano. Fu solo nel 1826 che la grotta divenne patrimonio del mondo: il tedesco August Kopisch partì dall’Hotel Pagano (attuale hotel La Palma) insieme al marinaio Angelo Ferraro per una spedizione storica: riscoprire la Grotta Azzurra.

In realtà non c’era alcun bisogno di riscoprirla, ma fu solo grazie a questa “impresa” che la Grotta Azzurra divenne il luogo che oggi conosciamo. Ma la Grotta Azzurra è sempre stata avvolta dal mito. Prima di essere dimora degli spettri, è stata luogo di riposo per l’Imperatore Tiberio. Qualcuno dice che avesse costruito un passaggio segreto per raggiungere la grotta direttamente da una villa adiacente, e che all’interno della grotta ci fosse una sorgente di acqua dolce. Miti e leggende, appunto, ma forse proprio per questo la Grotta Azzurra è un luogo affascinante.

Come raggiungere la Grotta Azzurra

Questa insenatura si trova nel territorio di Anacapri, ma può essere raggiunta in due modi. Il primo è il più semplice: appena arrivati a Marina Grande puoi chiedere ai motoscafisti qual è il prossimo tour guidato verso la Grotta Azzurra. Per raggiungerla via mare ci vogliono 5 minuti.

Ovviamente in questo modo devi aggiungere al prezzo dell’ingresso quello del trasporto. Un’alternativa: raggiungere la Grotta Azzurra via terra, con i trasporti pubblici. Da Marina Grande puoi scegliere di fare tappa a Capri e poi raggiungere Anacapri. Oppure aspettare un autobus diretto che ti permette di raggiungere il secondo comune senza sosta in Piazzetta.

Una volta ad Anacapri devi scendere alla fermata Cimitero, vicino Piazza della Pace, e prendere un altro autobus. Ce ne sono due: Faro di Punta Carena e Grotta Azzurra, tu ovviamente prendi quest’ultimo. In quindici minuti raggiungi il parcheggio che ti porta nei pressi della caverna. Qui troverai i barcaioli che ti accompagneranno (il servizio è a pagamento) all’interno della grotta.

L’ingresso sembra piccolo, ma non temere. Le barche sono ideali per entrare, e i barcaioli conoscono tutte le manovre necessarie: devi solo abbassare la testa. All’interno ti aspetta uno spettacolo unico, un’acqua così bella che non abbiamo resistito alla tentazione: abbiamo dedicato uno dei nostri spot pubblicitari ai riflessi della Grotta Azzurra.

Mare e ristorante

Intorno alla Grotta Azzurra ci sono anche degli stabilimenti balneari, tipo il Nettuno o da Giovanni, e a breve distanza trovi una discesa a mare particolarmente amata dalle persone del posto: è la spiaggia di Gradola, in realtà una piazzola rubata alla roccia con due scalette per scendere in acqua. Inoltre nei dintorni della Grotta Azzurra c’è uno dei ristoranti di mare più ricercati: Il Riccio.

Ovviamente la visita alla Grotta Azzurra può inserirsi nella tua vacanza sull’isola azzurra con semplicità: basta programmare una piccola gita ad Anacapri e dare uno sguardo agli orari degli autobus per incastrare questa bellezza della natura tra un giro nel centro storico e una foto da Monte Solaro. Senza dimenticare una sosta nel nuovo store Capri Watch.

Share: